Meno stato



Scarica i seguenti file PDF con ulteriori informazioni sull'iniziativa popolare:
 

Pacchetto Fiscale 


La presente iniziativa parlamentare elaborata si prefigge di rilanciare la competitività fiscale del
 
Cantone Ticino sia sul piano delle persone fisiche sia su quello delle persone giuridiche.
 
Per quanto attiene l’imposizione delle persone fisiche, si propone di
 
1. limitare l’impatto del valore locativo ai fini della tassazione del reddito;
 
2. limitare le deduzioni sociali ai soli residenti svizzeri;
 
3. ridurre l’aliquota marginale massima sul reddito al 13%;
 
4. adottare anche a livello cantonale la modalità di imposizione degli utili di liquidazione ai fini dell’imposta federale diretta;
 
5. porre un limite all’imposta sulla sostanza in assenza di particolari redditi da sostanza.
 
 
 
Per quanto invece attiene l’imposizione delle persone giuridiche, si propone di
 
1. permettere alle società con statuto cantonale speciale (holding, amministrazione ed ausiliarie) di attivare nel bilancio fiscale al momento dell’uscita dal regime fiscale privilegiato le riserve latenti compreso il goodwill originario e di consumare tali riserve fiscali tassate nel corso degli anni successivi, mitigando pertanto gli effetti della transizione all’imposizione ordinaria; allo Stato sarebbe garantito un gettito d’imposta annuo addirittura superiore a quello attuale;
 
2. fissare nella Legge tributaria (in seguito “LT”) l’imposizione delle riserve occulte al momento della fine dell’assoggettamento;
 
3. fissare nella LT l’interpretazione delle ristrutturazioni secondo una valutazione economica orientata al risultato, la quale permette di prescindere dai passi secondo il diritto civile e pubblico; si tratta di una misura per esempio utile nel caso di successioni aziendali;
 
4. progressivamente ridurre l’aliquota dell’imposta sull’utile dall’attuale 9% al 5% entro il 2025;
 
5. fissare nella LT la determinazione del capitale proprio occulto coerentemente con la prassi pubblicata dall’Amministrazione federale delle contribuzioni, ossia valutando l’eventuale superamento di un debito massimo con finanziamenti da parti vicine anziché pretendere un capitale proprio minimo;
 
6. computare l’imposta sull’utile nell’imposta sul capitale;
 
7. estendere la portata del diritto a reclamare contro una decisione di tassazione, segnatamente in merito all’ammontare delle perdite fiscali riportate anche in assenza di un
 
reddito o di un utile imponibile; questa proposta riguarda anche i contribuenti persone fisiche con attività lucrativa indipendente.
 
 
La maggior parte delle proposte qui formulate allineano il diritto tributario cantonale ai disposti presenti nelle legislazioni tributarie di molti altri cantoni, a quelli presenti nella Legge sull’imposta federale diretta (in seguito “LIFD”), oppure riprendono delle proposte già formulate nel contesto della Riforma dell’imposizione delle imprese III.


 
 
 
 
 
 


Riuscita la raccolta delle firme lanciata da AreaLiberale per l’introduzione in Ticino del Referendum finanziario ...
LEGGI TUTTO



Da anni, lo Stato incassa più soldi ma non ha abbassato le imposte ai contribuenti.  Per questo, AreaLiberale e UDC pr...
LEGGI TUTTO


GRAN CONSIGLIO E DINTORNI

09.04.2018 - Sergio Morisoli

La politica estera non interessa ne al Governo ne al Parlamento - Seduta GC 9 aprile 2018

Il Gran Consiglio passa pomeriggi interi a dibattere di temi minori, soprattutto se c’è qualche manciata di migliaia di franchi da dare a qualcuno. Oggi a tema c’era il voto s...

04.05.2018 - AL

Pacchetto sgravi fiscali

4 maggio 2018: AL e UDC propongono 11 iniziative parlamentari per ridurre la pressione fiscale sul ceto medio.  Eccole ...

13.05.2018 - AL

10 giugno 2 volte NO

Per le votazioni federali del prossimo 10 di giugno AreaLiberale raccomanda di votare due volte NO.     Iniziativa Moneta intera      ...