Atti parlamentari
Interrogazione: Il DECS e il Governo non rispettano il voto popolare?
Dal voto popolare del 23 settembre ad oggi, il direttore del DECS On. Manuele Bertoli si è espresso più volte pubblicamente, volontariamente o involontariamente, facendo intendere palesemente o in modo sibillino che nonostante il NO popolare alla SCV avrebbe portato avanti quei contenuti in modi e tempi diversi. Tcinonews di venerdi 16 novembre e il Mattino di domenica 18 novembre 2018 riportano una sua risposta (preoccupante) proprio in questa direzione “la scuola che verrà, verrà comunque”.
 
Tenuto conto che il Governo non ha voluto ricevere una delegazione del comitato referendista per approfondire i temi di cui sopra; riteniamo che per tutelare la volontà chiaramente espressa dal popolo ticinese (contrario alla SCV) dobbiamo interrogare direttamente il Governo formalmente attraverso lo strumento parlamentare dell’Interrogazione.

Leggi l'interrogazione del 18 novembre 2018 




Pubblicato il 18.11.2018 14:20

NOVITÀ

09.04.2018 - Sergio Morisoli

La politica estera non interessa ne al Governo ne al Parlamento - Seduta GC 9 aprile 2018

Il Gran Consiglio passa pomeriggi interi a dibattere di temi minori, soprattutto se c’è qualche manciata di migliaia di franchi da dare a qualcuno. Oggi a tema c’era il voto s...

04.05.2018 - AL

Pacchetto sgravi fiscali

4 maggio 2018: AL e UDC propongono 11 iniziative parlamentari per ridurre la pressione fiscale sul ceto medio.  Eccole ...

13.05.2018 - AL

10 giugno 2 volte NO

Per le votazioni federali del prossimo 10 di giugno AreaLiberale raccomanda di votare due volte NO.     Iniziativa Moneta intera      ...